Occhio all’accento, Jammo jà !

Uno studio condotto in america da Diane Markley e Patricia Cukor-Avila dimostra che l’accento regionale può avere uno spiacevole effetto durante un colloquio di lavoro. Lo studio ha coinvolto 56 selezionatori ai quali è stato chiesto di esprimere un giudizio circa una potenziale assunzione basandosi esclusivamente sul loro accento regionale. Ai reclutatori è stato chiesto di esprimere un giudizio in merito all’intelligenza, al carattere, alla simpatia, alla energia, alla capacità di stare in gruppo insomma su tutti quei parametri che vengono considerati durante un colloquio per una assunzione.

Su 10 accenti regionali americani, l’accento che ha ricevuto un giudizio negativo è quello del New Jersey.

Quando è stato chiesto di decidere quale tipo di lavoro fosse più adatto ai candidati solo il 5% dei reclutatori ha selezionato una persona con un accento del New Jersey per una posizione di alto livello o che avesse a che fare con il pubblico.
Oltre il 64% dei reclutatori ha indicato le persone con forte accento del New Jersey per posizioni con scarsa preparazione tecnica e senza alcun contatto con il pubblico.

E in Italia … sarà lo stesso?